Venti aziende lombarde al servizio del mercato, dei partner e del territorio. A loro Attilio Fontana, presidente della Regione Lombardia, e Guido Guidesi, assessore allo sviluppo economico della Regione, insieme con il direttore del Sole Ore, Fabio Tamburini, hanno assegnato il premio «L’impresa oltre l’impresa» per l’impegno profuso lo scorso anno durante l’emergenza sanitaria quando hanno aumentato la produzione, hanno fatto
innovazione, diversificato l’attività, varato piani di welfare a favore dei dipendenti e delle loro famiglie, supportato il personale medico e paramedico impegnato in prima linea nella battaglia contro il Covid, aiutato la comunità locale. Diverse sfaccettature di un impegno extra nell’anno più difficile dal dopoguerra in cui alcune aziende sono anche riuscite ad aumentare i ricavi. Venti eccellenze, best practice per i premi assegnati dal comitato scientifico, composto da valutatori esterni e coordinato dal Sole Ore. Le eccellenze sono: WS, Acque Bresciane, Cooperativa Impegno Sociale, Antares Vision, Cmc Industries, Be.Shaping the future, Confinvest, Neodecortech, Feralpi, Esselunga, Streparava, Arbra service, Paolo Beltrami costruzioni, Ciesse Paper, Hifuture, Nss Factory, Operari, Lu-Ve, gruppo Terenzi e Lm Medic. «L’iniziativa di oggi vuole essere soprattutto il ringraziamento a chi crea lavoro. Alle tante aziende lombarde tra cui queste venti premiate che hanno fatto tanto per il nostro territorio, le Comunità, i loro dipendenti e per la loro stessa attività - premette Guido Guidesi -. Hanno aiutato anche a livello sociale la nostra Regione. Insieme a loro vogliamo passare dalla fase emergenziale alla fase strategica evidenziando gli esempi positivi che saranno riconosciuti con questi premi. Questo è il connubio tra pubblico e privato che resta la ricetta vincente di Regione Lombardia e che lo sarà ancora nel futuro». Tra i premiati la Arbra service di Cremona che all’inizio della pandemia ha dovuto organizzare dei corsi di formazione a distanza per il personale delle Rsa. Corsi organizzati in collaborazione con un ufficiale dell’Esercito specializzato nella guerra batteriologica. Il gruppo bresciano Feralpi è stato tra i primi in Italia, era il febbraio, a dotarsi di una propria task force sanitaria per il personale e ha supportato diverse associazioni territoriali. «Feralpi, inoltre, ha avuto risultati importanti in Germania» sottolinea Fabio Tamburini, direttore del Sole- Ore. C’è chi ha aumentato la produzione come la mantovana Ciesse Paper, pmi che produce carta da imballo, vassoi e contenitori per alimenti che ha aumentato i volumi a supporto dei clienti. Oppure la Cmc Industries (automazione) che ha supportato la filiera dei fornitori pagando gli acquisti all’ordine e ampliando il loro numero. La Pmi nel ha visto crescere i ricavi di quasi un terzo. Premiata anche la fintech Confinvest che la dato vita al “Conto Lingotto” «in cui si incontra la domanda di oro fisico per investimento» dice Roberto Binetti, presidente di Confinvest. Raccolta fondi, donazioni, spesa solidale, aiuti alla Caritas. Sono solo alcuni degli interventi messi in campo da Esselunga. «Società lombarda che sarebbe bene che resti italiana - dice Tamburini - È un desiderio, dobbiamo essere orgogliosi di eccellenze come questa». Proprio sull’italianità si sofferma Paolo Streparava, ad del Gruppo Streparava (automotive) che dice: «Noi ce la mettiamo tutta e abbiamo di uno Stato che faccia lo Stato e ci aiuti a fare sistema». Anche il Gruppo il febbraio si è dotato di un comitato di prevenzione, supportando il personale con l’anticipo della Cassa integrazione e mettendo in campo azioni di supporto per soggetti fragili.

VEDI LA LOCANDINA